I soggetti delle Comunità Energetiche Rinnovabili: il ruolo della Parrocchia

Ilaria Bresciani
parrocchia

Le Comunità Energetiche Rinnovabili si stanno facendo sempre più strada anche in Italia.

Moltissimi territori, infatti, negli ultimi anni, hanno intrapreso l’avvio della costituzione di una Comunità Energetica Rinnovabile per via dei molti vantaggi derivanti dalla costituzione di una CER.

Questa strategia territoriale locale o sovralocale sta prendendo piede anche per via della crisi energetica che stiamo vivendo, che ha portato a conseguenze difficili da affrontare sia per le famiglie che per le imprese, come il rincaro dei prezzi delle bollette. Le CER in questo senso sono una soluzione a diverse problematiche. Sono una soluzione alla crescita dei prezzi delle bollette dell’energia e al reperimento dell’energia stessa in quanto prevedono la produzione, consumo e condivisione di energia rinnovabile KM zero.

La costituzione di una CER è un’azione molto impattante sul territorio anche perché è volta a coinvolgere molti soggetti, tra cui: Pubbliche Amministrazioni, Imprese, Associazioni, Cooperative, Parrocchie e anche Privati cittadini. Il potenziale della CER aumenta man mano che cresce il numero dei soggetti che vanno a costituirla; più soggetti vi partecipano più l’estensione della CER aumenterà e di conseguenza aumenterà anche la portata dei benefici che ne derivano per il territorio e la comunità. Tra i nostri approfondimenti sulle CER, a tal proposito abbiamo dedicato un articolo relativo proprio ai soggetti che possono entrare a farne parte.

Quali sono i soggetti più coinvolti?

Secondo un’indagine di Ipsos che riguarda le opinioni e le aspettative dei cittadini, delle imprese e delle diocesi riguardo alle Comunità Energetiche Rinnovabili (CER), infatti, emerge che i cittadini e le imprese siano a conoscenza della potenzialità del progetto e che, però, il soggetto più interessato all’argomento siano le Parrocchie.

Ci sono ormai diversi esempi di Comunità Energetiche in Italia e, tra i molti soggetti cui interessa entrare a farne parte o promuoverne una, la Parrocchia ricopre un ruolo importante, soprattutto nei piccoli comuni. Storicamente e culturalmente le parrocchie in Italia ricoprono un ruolo molto importante, sono infatti un luogo di aggregazione della comunità, un simbolo che riunisce la cittadinanza.

In Italia, secondo lo studio di IPSOS, quasi il 50% dei referenti diocesani sono a conoscenza del tema CER, contro il 13% dei cittadini e il 32% delle imprese. Arriva all’85% invece la percentuale dei referenti diocesani che sarebbero propensi a far parte di una CER in quanto credono nelle potenzialità del progetto, soprattutto in termini di produzione di energia rinnovabile a km0 e di incisione positiva sul territorio e la cittadinanza.

Le Parrocchie, inoltre, ricoprono socialmente un ruolo importante nei paesi e nei quartieri, sono dei punti di riferimento e si prendono cura della comunità. Spesso coinvolgono i giovani e persone di diverse fasce di età in esperienze comunitarie che favoriscono dinamiche di coesione sociale.

Va perciò sottolineato il ruolo fondamentale che ricoprono all’interno delle comunità, anche in termini di sensibilizzazione riguardo ad argomenti importanti come la salvaguardia del territorio e di conseguenza della comunità e anche perciò sono un ipotetico membro di notevole rilevanza delle Comunità Energetica Rinnovabile in ogni Comune.

Ti interessa l’articolo?

Vuoi approfondire le tematiche che abbiamo trattato? Contattaci per avere maggiori informazioni.

Ti potrebbero interessare anche questi bandi


Barzio verso la Sostenibilità: al via la prima  CER della Valsassina
La Direttiva "Case Green": come migliora l’efficienza energetica degli edifici
CONTO TERMICO 3.0 E CER: un’opportunità per la rigenerazione del territorio a 360°

Vuoi saperne di più sui nostri servizi?

Scrivici per una consulenza, i nostri esperti sono disponibili per qualsiasi tua esigenza