Le Comunità Energetiche Rinnovabili nel Sud Italia: verso la transizione energetica

Ilaria Bresciani
blogcersuditalia

Le Comunità Energetiche Rinnovabili sono ormai molto conosciute, negli ultimi anni infatti, anche in Italia, abbiamo assistito alla nascita di diverse conformazioni simili.

Come abbiamo descritto in molti articoli nel nostro blog, le CER sono appunto delle Comunità costituite da diversi tipi di soggetti, enti locali, privati, imprese ecc. che hanno come scopo comune la creazione e produzione di energia da fonti rinnovabili.

Trovare delle soluzioni che vertano verso l’indipendenza energetica e verde dei territori è diventata una priorità per le Regioni italiane, specialmente in vista anche dei fondi del PNRR che permetto alle stesse di investire in questi progetti.

Se le prime Regioni a partire con le iniziative sono state Piemonte, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto, anche nelle regioni del sud Italia si stanno avviando delle dinamiche virtuose per la salvaguardia dei territori e combattere la povertà energetica.

Vediamo ad oggi a che punto sono le Regioni.


Regione Lazio 

 “100 Comunità Energetiche in 100 Comuni entro il 2022” è il progetto presentato il 25 maggio 2022 dalla Regione Lazio in collaborazione con la Sapienza di Roma.

Si prevede di stanziare 110 milioni di euro, prevenienti sia dal PNRR che dai fondi europei e regionali da stanziare ai Comuni per la loro attiva partecipazione al processo verso la transizione ecologica e la lotta alla povertà energetica.


Regione Sicilia 

Anche in Sicilia quest’anno è iniziata la rivoluzione verde, la regione infatti stanzierà ai 301 comuni dell’isola 4 milioni di euro (3.835.338 euro) volti a promuovere la creazione di CERS Comunità Energetiche Rinnovabili Solidali. 

I fondi sono statti stanziati ai capoluoghi di provincia e, la maggior parte dei fondi sono stati destinati a Palermo (63.398 euro) e di Messina (33.196), Siracusa (27.804), Ragusa (22.730), Caltanissetta (20.867), Agrigento (20.228) ed Enna (15.017).


Regione Campania 

Una delle prime esperienze di Comunità Energetica Rinnovabile Solidale (CERS) nasce proprio a sud di Napoli, nel quartiere San Giovanni a Teduccio. Qui la collaborazione tra Legambiente e la Fondazione Famiglia di Maria, che ha messo a disposizione il proprio tetto per l’impianto fotovoltaico, e il finanziamento dalla Fondazione Con il Sud, ha permesso la rinascita di un quartiere prima degradato, creando una CER di cui fanno parte ben 40 famiglie che prima si trovavano in condizioni di povertà energetica.

Ad oggi, la regione Campania ha approvato, con il D.D. n. 865 del 3/10/2022, pubblicato sul B.U.R.C. n. 82 del 3/10/2022, l’Avviso per la promozione delle Comunità Energetiche Solidali e Rinnovabili nei Comuni con meno di 5.000 abitanti.

La Regione mette a disposizione in tutto 1 milione di euro che, complementarmente al PNRR dove era stato prevista l’erogazione di 2 miliardi di euro per la promozione delle CER. 

Il Bando scadrà alle h.12 del 25 novembre 2022.

Ti interessa l’articolo?

Vuoi approfondire le tematiche che abbiamo trattato? Contattaci per avere maggiori informazioni.

Ti potrebbero interessare anche questi bandi


Barzio verso la Sostenibilità: al via la prima  CER della Valsassina
La Direttiva "Case Green": come migliora l’efficienza energetica degli edifici
CONTO TERMICO 3.0 E CER: un’opportunità per la rigenerazione del territorio a 360°

Vuoi saperne di più sui nostri servizi?

Scrivici per una consulenza, i nostri esperti sono disponibili per qualsiasi tua esigenza